Until I Set Him Free | James Batty.jpg
  • Black Icon iTunes
  • Black Icon Spotify
  • Black Icon Deezer

Until I Set Him Free | James Batty

“Until I Set Him Free” è il primo album per pianoforte solo del compositore e pianista londinese James Batty. In questi brani carichi di emozioni, James ha modificato l'accordatura convenzionale delle 88 note del pianoforte per presentare un linguaggio musicale completamente nuovo. Le sue esecuzioni di queste 11 composizioni conducono gli ascoltatori in un paesaggio sonoro surreale in cui i toni familiari vengono rimodellati per formare qualcosa di sorprendente e nuovo.

L'album è stato ispirato al lavoro del grande artista rinascimentale Michelangelo, e in particolare alla sua famosa statua del "David" in quanto fu il risultato della visione di un angelo nel marmo da parte dello scultore e la scolpì fino a "liberarlo". Queste le parole di James: “Per me, il processo creativo consiste molto nell'ascoltare e nel porre domande. Che si tratti di un "filo" di una melodia o delle "ossa nude" di una progressione di accordi, cerco di liberare le idee e permettere loro di trasformarsi in qualcosa di intero. Non mi piace forzare la musica".

Per sviluppare il sistema dell'accordatura, James ha collaborato con il tecnico Finlay Fraser. Dopo un ritiro creativo a Poznań, in Polonia, dove ha abbozzato le sue idee, James è tornato a Londra e ha lavorato con un pianoforte verticale per esplorare le complessità della sua risonanza e creare i pezzi finali. L'album è stato registrato e prodotto da Haydn Bendall, ex capo ingegnere degli Abbey Road Studios che ha anche iniziato la sua carriera come accordatore di pianoforti Steinway: “Quando ho incontrato James per la prima volta, sono rimasto affascinato dal suo progetto. La musica è così insolita, interessante e bella. Sono entusiasta di essere stato coinvolto in questo grande album.”

Credits

Composto ed eseguito da James Batty

Prodotto, registrato e mixato da Haydn Bendall

Accordatore e tecnico del pianoforte Finlay Fraser

Apple Digital Mastering a cura di Diana Gorovaya presso il Saturday Mastering, Moscow, Russia

Piano: Yamaha G3

Registrato presso la Chatsworth Baptist Church, West Norwood, London, UK

Foto: Jessica Hu

Artwork CD e vinile: BeatArt

  • Black Facebook Icon
  • Black YouTube Icon
  • Black Instagram Icon
  • Nero Twitter Icon